Indice dei post

mercoledì 9 ottobre 2013

Adeguamento ISTAT dell'assegno di mantenimento


Nelle condizioni di separazione è normalmente stabilito che l'assegno di mantenimento deve essere adeguato, secondo la mutazione del valore d'acquisto del denaro. Negli untimi anni questa clausola è anche divenuta obbligatoria e quindi inserita in ogni separazione o divorzio.
In teoria il costo della vita potrebbe anche diminuire e quindi l'assegno potrebbe essere ridotto. In pratica però il costo della vita è sempre aumentato ...
Come si effettua il calcolo?
DSi deve aver riguardo al primo mese in cui doveva essere pagato l'assegno.
Supponiamo che la prima mensilità dovesse essere maggio 2011. L'assegno va quindi adeguato a maggio 2012, un anno dopo. La cifra risultate da questa prima variazione dovrà quindi essere aumentata ogni anno da maggio 2013 in poi.
Facciamo un esempio pratico: consideriamo un assegno per i figli di € 1000,00 decorrente da maggio 2011.
Il criterio più semplice è quello di usare un'utilità presente sul sito http://rivaluta.istat.it/ .
Nel quadro "Calcola le rivalutazioni monetarie" dobbiamo inserire la data di inizio cioè mese maggio 2011 , la data finale cioè maggio 2012 e l'importo cioè € 1000,00.
Il risultato sarà € 1.030,00; di conseguenza l'assegno di € 1.000 sarà diventato a maggio 2012 € 1.030,00. Per calcolare quanto questo importo sia cambiato a maggio 2013 dovremo usare lo stesso meccanismo, mettendo come valore base € 1.030 e calcolando da maggio 2012 a maggio 2013.
L'adeguamento ISTAT scatta automaticamente, senza bisogno di richieste esplicite, orali o scritte. Se non viene pagato si può agire subito esecutivamente, come per l'assegno base.

14 commenti:

  1. Salve...a proposito di rivalutazione Istat, se l'indice è negativo, e dal calcolo si ottiene un assegno di mantenimento di valore inferiore, si può ridurre il pagamento o si mantiene l'importo uguale a quello dell'anno precedente?
    Grazie
    Nicola

    RispondiElimina
  2. Certamente. Se l'indice è negativo l'assegno va ridotto di conseguenza.

    RispondiElimina
  3. Chi mi aiuta... ultimo aumento instat è stato a maggio 2013 per un totale di 910 euro assegno di mantenimento...mi manca l aumento di tutto il 2014 più questi mesi del 2015... e a maggio dovrebbe scattare ulteriore aumento... quanto dovrebbe essere l aumento dello scorso anno? E l aumento di quest anno?!.. grazie a chi mi aiuta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lizzy salve. Può andare in fondo a questa pagina. C'è un modulo per fare il calcolo on line. Se no mi scriva (pagina contatti). Buona serata.

      Elimina
  4. Gentile avvocato,
    In considerazione del fatto che "...che l'assegno di mantenimento deve essere adeguato, secondo la mutazione del valore d'acquisto del denaro" avrei da esporre un quesito.
    Sono residente all'estero e non guadagno in Euro ma in sterline. In sede di separazione l'importo e' stato stabilito in euro ma e' stato riportato il controvalore in sterline alla data specifica cosi' come l'indice di cambio al momento.
    Come puo' bene immaginare, per mantenere l'importo in euro costante, mi trovo a dover versare un importo maggiore di sterline per via di un cambio sfavorevole da mesi.
    Con l'aumento ISTAT mi troverei ulteriormente svantaggiato dovendo subire non solo l'aumento del costo del denaro relativo al cambio valuta Sterline/Euro ma finanche l'aumento del costo del denaro sull abase degli indici ISTAT. E' inutile nascondere che alla signora frega poco di questo. Cosa posso fare in merito?

    La ringrazio in anticipo

    RispondiElimina
  5. Salve. Quello che lei riferisce è sicuramente rilevante e può dar luogo alla modifica delle condizioni.
    L'assegno va infatti bilanciato sia sui bisogni di chi lo prende ma anche sui redditi di chi lo versa.
    Riguardo l'atteggiamento di sua moglie, le consiglio per ottenere qualcosa di concreto di rivolgersi a me o un altro avvocato con una buona conoscenza della materia. Saluti cordiali. U C

    RispondiElimina
  6. Salve, il mio ultimo adeguamento Istat è stato fatto nel marzo 2015, per un importo pari a 742,72, mi può cortesemente dire il giusto importo che devo alla mia ex? grazie per la diponibilità
    cordialmente

    RispondiElimina
  7. Salve. Il suo assegno va adeguato ad ogni marzo? Se fosse così dovremmo risentirci (o qui o per mail) intorno al 20 aprile perchè i dati di marzo ancora non sono stati pubblicati.
    Saluti cordiali.

    RispondiElimina
  8. Buongiorno avvocato, vorrei una delucidazioni. Verso alla mia ex euro 201,00 mentre ai miei figli 560,79 importanti relativi all'anno 2014. A aprile 2015 ho adeguato l'assegno da febbraio 2014 a febbraio 2015 e così ho fatto anche quest'anno. Entrambi gli anni tramite rivaluta. Istat sono risultati in deflazione. La mia ex mi scrive dicendo che in caso di deflazione gli importi restano uguali. Può delucidarmi in merito? Grazie

    RispondiElimina
  9. In linea generale l'assegno va "adeguato" al mutamento ISTAT, sia in più che in meno.
    Sua moglie ha quindi torto.
    La situazione sarebbe diversa in casi particolari in cui si fosse scritto che è applicabile solo l' "aumento" ISTAT. Una clausola del genere sarebbe comunque inconsueta e magari frutto di un errore.
    Questo perchè lo scopo del calcolo della variazioni ISTAT è quello di mantenere lo stesso potere d'acquisto; il farlo solo aumentare sarebbe contrario a questo.
    Saluti cordiali.

    RispondiElimina
  10. Buongiorno avvocato,
    dallo scorso luglio 2015 devo versare a mia moglie un assegno di mantenimento di 950 euro (per sè e per nostro figlio) "rivalutabili ISTAT" (così è scritto nell'accordo).
    In caso di deflazione, posso ridurre l'importo "base" dell'assegno?
    Ho letto in un sito internet che in caso di rivalutazione negativa, l'assegno può essere ridotto fino a concorrenza di precedenti rivalutazioni positive e che l'assegno "base" non può mai essere ridotto. Le risulta?

    RispondiElimina
  11. Buongiorno Andrea. Per me l'assegno va aumentato o ridotto a seconda del mutamento del costo della vita.
    Altrimenti ci sarebbe un ingiustificato arricchimento.
    Non escludo che però ci sia magari una sentenza "folle" in giro... Ce ne sono diverse. :) Mi può indicare il sito dove l'ha trovata? Potrò così leggerla anche io e risponderle in merito. Grazie e buona giornata.

    RispondiElimina
  12. Dal sito dell'Associazione Italiana Genitori Separati:
    http://www.aiges.org/blog/2015/02/deflazione-e-assegno-di-mantenimento/

    RispondiElimina
  13. Andrea salve. Conosco quella pagina. Esprimono la loro idea senza peraltro citare sentenze o norme.
    Personalmente rimando della mia idea. Non vedo alcuna ragione logica per cui se diminuisce il potere di acquisto l'assegno debba aumentare ma non debba diminuire al contrario. Sarebbe certamente illogico ed ingiusto.
    Confermo quindi il mio parere. Del resto se si usa un calcolatore per calcolare quanto è stata la variazione ISTAT magari in anni, nel conteggio entrano sia i coefficienti positivi che negativi e sono trattati nello stesso modo. Buona serata.

    RispondiElimina